Benedetto De Lisi

Woman

Modern Art, 20th Century, Private Collection
10 x 10 x 10 cm3.9 x 3.9 x 3.9 in

Questo bozzetto è una interessante opera dell'ultimo discendente, Benedetto, di una famiglia di scultori, i De Lisi, nato nel 1898 a Palermo.

Benedetto De Lisi fu prima allievo, quindi insegnante e in ultimo, nel 1960, direttore dell'Accademia di Belle Arti di Palermo e nel frattempo realizzò una serie cospicua di opere che risentono del gusto “di regime” dei primi decenni del XX secolo. Anche questa testa di donna, la cui opera definitiva si trova nel giardino del Teatro Politeama Garibaldi di Palermo, è caratterizzata dalla definizione severa delle forme e dal rifiuto di qualunque figurativismo.

Grande influenza nella formazione artistica del De Lisi dovette averla un lungo viaggio di studio che egli compì in Italia e in Europa all'indomani della Prima Guerra Mondiale, ed infatti il suo percorso stilistico approda ben presto sia alle Biennali di Venezia che alle Quadriennali di Roma, a riprova di una modernità che lo pone al livello di scultori di fama internazionale. D'altra parte il De Lisi ricevette svariati incarichi pubblici per realizzare opere monumentali, come ad esempio la statua “Il Lavoro” che si trova tutt'oggi al palazzo della Civiltà del lavoro di Roma.

Ad ulteriore conferma della costante ricerca artistica di Benedetto De Lisi, si deve annotare che nel 1934 questi presentò alla Biennale di Venezia una scultura in “anticorodal”, una lega di alluminio che veniva sperimentata proprio da alcuni artisti del Ventennio come nuova materia della propria espressione.

SEO
© Artficial
SEE MORE